L’attenzione della commissione sanità su pazienti fragili e persone con disabilità

Mauro Vizzino, Presidente della III Commissione consiliare (Sanità) della Regione Puglia.

BARI, 19 aprile 2021 – Pazienti fragili e con disabilità: un’ampia ricognizione di problemi e bisogni nella seduta della terza commissione permanente del Consiglio regionale (sanità e servizi sociali), convocata dal presidente  Mauro Vizzino.
Numerose associazioni di assistenza e rappresentanza di persone in condizione di disabilità e di famiglie hanno rappresentato le esigenze e urgenze, che riguardano in particolare: l’istituzione dell’osservatorio, i vaccini, le gare al massimo ribasso e il tavolo tecnico per le disabilità. Gli assessori alla sanità Pier Luigi Lopalco e al welfare Rosa Barone, col direttore del Dipartimento promozione della salute Vito Montanaro, hanno rappresentato la più sensibile vicinanza a tutti i temi della disabilità, resi più critici dalla pandemia.
Ad oggi, la copertura vaccinale di pazienti con malattie rare ha raggiunto il 40% (8580 soggetti), mentre quella dei caregiver deve scontrare la mancanza di vaccini. La consapevolezza della priorità per adulti e minori fragili e per chi li assiste si scontra con la fornitura limitata di vaccini. Sono state rivolte richieste aggiuntive al commissario nazionale Figliuolo e si sta cercando di attivare prestiti con altre la Regioni.
Sulle gare al massimo ribasso, che non consentono scelta ai pazienti sulla qualità di ausili e protesi, Montanaro ha confermato la volontà di contemperare le regole delle procedure di gara con le esigenze di ciascun interessato di dialogare direttamente con i fornitori storici.
Sì degli assessori all’istituzione dell’osservatorio regionale per le disabilità – previsto da leggi nazionali e da coordinare con le attività dell’Ufficio del garante pugliese – e all’inserimento di rappresentanti del terzo settore nel tavolo tecnico per le disabilità, che tornerà quanto prima a riunirsi. Audite ANFFAS, ENIL, FISH e la rete regionale A.Ma.Re Puglia.
Nel seguito della riunione, su richiesta del consigliere Paolo Pagliaro sono arrivate risposte sulla dotazione di Tac e risonanze magnetiche per persone obese, in particolare nella Provincia di Lecce. Il direttore generale dell’asl, Rodolfo Rollo, ha fatto presente che il presidio Fazzi dispone di due macchine top di gamma adeguate, tra il Dea e il Dipartimento oncologico. Sono tre le risonanze magnetiche utili nelle strutture pubbliche ed una, aperta, presso una privata accreditata. Possono essere effettuate terapie radianti e percorsi di cura e assistenza chirurgica, pre e post intervento. Barelle e toboga consentono il trasporto e nei casi più difficili si fa ricorso alla collaborazione dei Vigili del Fuoco. Lopalco ha assicurato che si sta procedendo ad una verifica in tutte le asl, per rimuovere eventuali lacune.
Buone notizie da Lecce e dal direttore generale Rollo in risposta a due questioni sollevate dal consigliere regionale Antonio Gabellone. Per l’ossigenazione nel Dea, la ditta aggiudicataria ha reso noto il cronopogramma, che ha visto l’8 aprile la consegna della centrale e prevede per il 23 aprile l’arrivo del serbatoio. Il Dea potrà contare sulla propria rete di ossigeno indipendente e questo consentirà di approntare nuovi posti letto, per affrontare un eventuale colpo di coda della pandemia da covid.
Quanto al blocco degli interventi chirurgici presso l’ospedale “Francesco Ferrari”, di fatto non si è verificato, nonostante la carenza di anestesisti, dopo il prepensionamento di un medico . È stato scongiurato dalla programmazione di sedute operatorie aggiuntive, che hanno consentito di tenere attiva una sala ogni giorno. Fino alla fine dell’emergenza sanitaria, che concentra molti specialisti nelle terapie intensive, resterà sotto osservazione la situazione del Salento Nord, area che ha il solo Fazzi a disposizione, mentre il Sud non è mai stato in sofferenza, potendo contare su Casarano, Gallipoli, Scorrano e Tricase.

*/ endif; // end ! comments_open() ?>