Consiglio regionale: approvate modifiche alle leggi in materia di VIA e manifestazioni sportive

BARI, 11 maggio 2021 – Sì all’unanimità del Consiglio regionale al disegno di legge che contiene modifiche e integrazioni alle leggi regionali in materia di valutazione d’impatto ambientale, di attività sportiva e di organizzazione e partecipazione a manifestazioni.

Lo scopo delle modifiche apportate alla legge regionale 11 del 2001, è di allineare la normativa regionale al decreto legislativo nazionale 152/2006.
È stato adeguato così l’elenco dei progetti da sottoporre alle procedure di VIA agli allegati del testo unico ambientale, rendendo la disciplina regionale coerente con quella statale. Si provvederà in questo modo a rivedere ogni possibile disallineamento, a eliminare categorie progettuali intanto avocate alla competenza statale e a rimuovere le differenze rispetto alle norme nazionali, di rango superiore e di redazione più recente.
Su proposta del consigliere Fabiano Amati (Pd) è stata approvata un’integrazione alla legge, che consente alle pratiche in corso di applicare la nuova normativa di semplificazione e quindi, le pratiche con oggetto rientrante nelle esenzioni vanno archiviate, a meno che l’istante non chieda volontariamente che si faccia la valutazione ambientale.
Approvate anche le modifiche proposte dal capogruppo di FI Stefano Lacatena, relativamente all’estensione della non assoggettabilità a VIA per gli interventi di messa in sicurezza, di protezione delle superfici esposte ed i ripascimenti localizzati di spiagge, gli interventi di manutenzione e adeguamento di strade esistenti e gli interventi riguardanti i canali deviatori che non abbiano un regime idraulico permanente, così come altre opere di mitigazione del rischio idraulico. In più, è stato stabilito che i componenti del Comitato rimangono in carica per due anni e l’eventuale proroga potrà essere concessa in base alla normativa in materia.   

Nel testo di legge, sono stati inseriti alcuni emendamenti presentati dai consiglieri Fabiano Amati, Filippo Caracciolo, Raffaele Piemontese e Mauro Vizzino, che hanno introdotto delle semplificazioni all’iter procedurale previsto dalle leggi regionali vigenti in materia di attività sportiva e fisico motoria, così da favorire una maggiore tempestività nella concessione dei contributi necessari alla realizzazione dei grandi eventi sportivi. La disposizione approvata definisce grandi eventi sportivi, le manifestazioni che attribuiscono un titolo sportivo di livello extra regionale riconosciuto dalle federazioni di riferimento, nazionali e internazionali con numero di edizioni realizzate non inferiore a venti e con un numero di partecipanti non inferiore a trecento, calcolati come singoli o come somma totale dei componenti di tutte le squadre in competizione. Alle manifestazioni di tale portata potrà essere concesso un finanziamento in misura non superiore a cento mila euro. E’ concesso il patrocinio gratuito della Regione Puglia nelle competizioni sportive internazionali. 

*/ endif; // end ! comments_open() ?>