Confcommercio e Fipe organizzano ad Andria il primo Festival del Trenocelle

ANDRIA, 21 luglio – All’inizio degli anni Cinquanta è apparso, la sua forza è stata quella di essere tra i primi gelati da passeggio e per questo non ci ha messo molto a fare breccia nel cuore degli andriesi. In quello stesso periodo le grandi aziende proponevano alla Nazione nel pieno del boom economico gli stecchi ed i coni. Da queste parti, invece, è nato il famoso “Trenocelle”, anche se è tutt’ora aperto il dibattito sulla paternità: per qualcuno è stato Giuseppe Di Molfetta che aveva il Caffè in Piazza Porta la Barra a crearlo per primo, c’è chi invece non ha dubbi è stato Riccardo Di Gioia, in Piazza Imbriani. Sembra che siano un po’ tutti d’accordo sul fatto che l’ideatore del Trenocelle si sia ispirato ad un altro cavallo di battaglia della tradizione andriese, il famoso “mezzo pezzo”.

Ed ecco che, la curiosa
storia ed i simpatici aneddoti del cestino di cialda con le tre nocciole e la
copertura di cioccolato saranno raccontati giovedì
prossimo, 23 luglio, presso il Chiostro di San Francesco ad Andria, alle ore
18.30. Saranno presenti Peppino Miani e Francesco Marinacci, due storici
maestri gelatai
che, con le loro testimonianze, ripercorreranno le tappe di
questa creazione, insieme al giornalista Pinuccio Pomo che ha già raccolto e
pubblicato alcuni frammenti storici. Così
si alzerà il sipario della prima edizione del Festival del Trenocelle di
Andria, organizzato dal 24 al 26 luglio dalla Confcommercio e dalla Fipe,
Federazione italiana dei pubblici esercizi in rappresentanza di bar e
pasticcerie
. Piazza Catuma ospiterà la tre giorni caratterizzata
dall’amarcord e dalle degustazione del tipico gelato da passeggio “made in Andria”
preparato per l’occasione da: “Bar Fantasy”, “Bar Scaramouche”, “Dolcimanie”,
“Bar Marinacci”, “Lattemiele Caffè”, “Caffetteria dell’angolo”, “Petit Gateau”,
“Caffè Sospeso”, “Caffetteria Alexander”, “L’Alveare”, “Bar Mito”, “Caffè
Normanno” e “Bar Gabè”.

“Ciò che vogliamo con il
Festival del Trenocelle è valorizzare questo tipico prodotto andriese che
sembrerebbe essere stato il primo gelato da passeggio, o comunque tra i primi a
livello nazionale. Una storia che merita di essere raccontata perché abbiamo un
piccolo tesoro da far conoscere anche oltre i confini del nostro territorio”,
commenta Claudio Sinisi, presidente
della Confcommercio di Andria. “Ringraziamo gli sponsor che hanno creduto nel
progetto, Golosia, Villa Carafa, Non Solo Carta Service, Zingrillo.com, F.lli
Quinto, Sinisi Srl, Grafiche Guglielmi, e l’associazione ArtTurism per la
collaborazione”.

“Avremmo voluto fare molto di più ma le restrizioni in materia di
contenimento del contagio non ce lo consentono, non potevamo però rinunciare ad
organizzare il nostro primo Festival del Trenocelle. Non potevamo rimandare,
era importante cominciare subito a lavorare per la valorizzazione di questo
prodotto tipico che fa parte del Dna degli andriesi e che è troppo poco
conosciuto però fuori dei confini della nostra città”, conclude il presidente
della Fipe cittadina, Giuseppe Paparusso.

*/ endif; // end ! comments_open() ?>