Perrotta risponde a Denis: il Bari imbattuto anche a Reggio

(Foto: Ssc Bari)

REGGIO CALABRIA, 26 gennaio – Si allunga a 18 risultati utili la striscia positiva del Bari di mister Vivarini, imbattuto sul campo della capolista Reggina nella ventitreesima giornata del Girone C di Lega Pro. Cornice di pubblico delle grandi occasioni, con larga rappresentanza pugliese e rinnovo del gemellaggio con la tifoseria calabrese, protagonista di una stupenda coreografia prima dell’inizio della contesa. Il tecnico pugliese conferma il modulo 4-3-1-2: davanti a Frattali linea a quattro composta da Berra, Sabbione, Perrotta e Costa; in mediana Bianco detta i tempi della manovra con Scavone e Maita a supporto; Laribi alle spalle della coppia composta da Simeri e il capitano Antenucci.  Dall’altra parte c’è Sounas nel ruolo di trequartista alle spalle della coppia Denis-Corazza. In panca l’altro trequartista, il barese Bellomo.

Partita dominata per lunghi tratti dal nervosismo e tutt’altro che spettacolare, specialmente nella prima frazione, caratterizzata da ben sei cartellini gialli (tre per parte) e sporadiche azioni offensive degne di nota: per Antenucci e Corazza non è una gran giornata. Discorso diverso per Denis, la cui inzuccata al 69′, da un’idea di Rolando, buggera Perrotta e Frattali, risultando letale per il Bari: l’1 a 0 è comunque un premio eccessivo per i padroni di casa, poco incisivi fino a quel momento, ma abili a sfruttare l’unica sbavatura della difesa pugliese, oggi senza Di Cesare. Dal canto loro, anche i ragazzi di Vivarini, pur protagonisti di un buon avvio di gara, nel complesso non brillano sul piano dell’incisività, ma hanno il merito di non disunirsi per l’improvviso svantaggio, giunto nella fase topica del match.

Dopo aver inserito Schiavone al posto dell’ammonito Scavone, Vivarini rende il Bari più offensivo, mandando in campo D’Ursi e Corsinelli per Laribi e Berra e, poco dopo, Terrani al posto dell’altro ammonito Bianco. I minuti scorrono veloci con il gioco troppo spezzettato dai falli. All’87’ il Bari trova comunque con caparbietà il goal del meritato pareggio: dalla trequarti Schiavone calcia una punizione, mandando la sfera nel cuore dell’area calabrese dove interviene Perrotta che si fa perdonare la disattenzione sul gol calabrese beffando l’ex Guarna: 1-1. E’ il risultato finale che permette ai galletti di restare a -6 dai calabresi.

23a giornata SERIE C – Girone C

Reggina-Bari 1-1

Marcatori: 24’st Denis (R), 43’st Perrotta (B)

Reggina (3-4-1-2): Guarna, Loiacono, Sounas, Blondett, Rossi, Rolando (46’st Liotti), Bianchi (39’st Nielsen), Corazza (17’st Reginaldo), Denis (39’st Bellomo), De Rose (c), Gasparetto. A disp.: Geria, De Francesco, Rivas, Paolucci, Mastour, Rubin, Sarao. All. D. Toscano

Bari (4-3-1-2): Frattali, Berra (29’st Corsinelli), Sabbione, Perrotta, Costa, Bianco (37’st Terrani), Maita, Scavone (19’st Schiavone), Laribi  (29’st D’Ursi), Antenucci (c), Simeri. A disp.: Marfella, Liso, Esposito, Di Cesare, Neglia, Awua, Folorunsho, Cascione. All. V. Vivarini

Arbitro: Sig. Matteo Marchetti (Ostia Lido) – Assistenti: Sig. Marco Trinchieri (Milano) e Sig. Domenico Fontemurato (Roma 2)

Ammoniti: Bianco, Scavone, Corsinelli (B), Denis, Loiacono, Rolando (R)

Angoli: 3-0. Recupero: 0’pt, 3’st

Spettatori: 16.092 (5.813 abbonati, 1122 baresi nel settore ospiti)

Note: terreno in buone condizioni, cielo sereno, temperatura intorno ai 15°C

*/ endif; // end ! comments_open() ?>