L’Opera Don Uva tra passato e futuro: a Bisceglie importante appuntamento con il Governatore Emiliano e i DG Asl Bt e Fg

BISCEGLIE – Giovedì 16 gennaio, alle ore 10,30, presso il Salone dei Congressi dell’Opera Don Uva, in via G. Bovio, 78, a Bisceglie, è in programma una convention sul tema “Universo Salute oggi: l’Opera Don Uva tra passato e futuro”.

Saranno presenti, tra gli altri, il Governatore della Puglia, Michele
Emiliano, il Direttore Generale della Asl Bt, Alessandro Delle Donne, il
Direttore Generale della Asl Fg, Vito Piazzolla, e il Presidente del Cda di
Universo Salute, Giancarlo Pecoriello. In apertura, è previsto un momento di
preghiera e benedizione da parte di S.E. Mons. Vicenzo Pisanello, Vescovo di Oria,
Commissario apostolico della Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza.
Interverranno inoltre le Organizzazioni sindacali.

Si tratta di un appuntamento di grande rilevanza per il futuro di Universo
Salute dopo un biennio – il primo post “Casa Divina Provvidenza” – in cui il
Don Uva ha voltato pagina, restituendo a Bisceglie, Foggia e Potenza un’Opera
degna del suo Fondatore, della sua gente, fino a salvaguardare centinaia di
posti di lavoro in quello che ancor oggi rappresenta uno dei maggiori poli
occupazionali di Puglia e Basilicata.

Nell’anno che si è appena concluso, Universo Salute ha ottenuto la
Certificazione di Qualità, per le strutture di Bisceglie e Foggia, dove gli
Ispettori hanno riscontrato la piena conformità delle procedure agli standard
ISO 9001:2015. Universo Salute ha inoltre conseguito il primato nelle
graduatorie relative alla valutazione partecipata del grado di umanizzazione
delle strutture di ricovero pubbliche e private. Nel 2019 la sede di Bisceglie
ha ottenuto il primato assoluto nella valutazione partecipata del grado di
umanizzazione nelle strutture di ricovero-riabilitative. Nella graduatoria
finale della ricerca promossa da Regione Puglia, Aress e Agenas la sede di
Foggia è risultata prima tra le strutture per Acuti.

Per Universo Salute, che occupa ormai un posto d’onore nella gerarchia
della sanità pugliese privata accreditata, si tratta di importanti
riconoscimenti, emblematici del livello di indiscussa eccellenza raggiunto nel
panorama della Sanità pugliese, ma che per l’AD Paolo Telesforo rappresentano
solo dei punti di partenza in una complessa operazione di rilancio, coniugando
un verbo condiviso ab origine: “demanicomializzare”. E’ l’imminente
importantissimo step, relativo alla riconversione degli istituti ortofrenici,
al culmine di un processo durato oltre 20 anni, uno dei più imponenti a livello
europeo. Laddove c’era il manicomio
oggi c’è la cittadella della cronicità, della disabilità, della riabilitazione,
oltre che dell’assistenza al malato terminale. Il raggiungimento della fase
finale di questo lungo processo passa attraverso la sintonia tra la capacità
d’impresa e la buona politica, che ha reso possibile la realizzazione di un
piccolo, nuovo miracolo italiano, di
assoluta marca meridionale, così come sarebbe piaciuto ad un meridionalista
pratico come Don Pasquale Uva.

*/ endif; // end ! comments_open() ?>