Bar e pasticcerie, in Confcommercio Andria nasce la Fipe: “Insieme per la ripartenza”

ANDRIA, 9 maggio – I titolari di bar e pasticcerie di Andria si sono uniti sotto un’unica sigla per affrontare insieme questo difficile momento di ripartenza dopo il lungo lockdown dell’emergenza sanitaria.  Serve affrontare in maniera sinergica le problematiche del comparto che, insieme ad alcuni altri, sta subendo una vera e propria rivoluzione fatta di nuovi comportamenti dei consumatori e della capacità delle imprese di reagire al cambiamento determinato anche dalle misure di contenimento del contagio previste dai protocolli di sicurezza.

Per questo nasce nella Confcommercio di Andria la Fipe, la Federazione italiana dei pubblici esercizi per la rappresentanza di bar e pasticcerie. Una quarantina di realtà imprenditoriali della città hanno deciso di riunirsi e fondare questa associazione il cui presidente è Giuseppe Paparusso, titolare del “Bar Fantasy”, vice presidente Antonio Liso, della pasticceria “Petit Gateau”. Compongono il direttivo: Francesco Montereale, “Pasticceria Montereale”; Tommaso Sanguedolce, “Caffetteria Alexander”; Michele Moretti “Lattemiele Caffè”; Lorenzo Balducci “Caffetteria dell’angolo”; Vincenzo Liso, “L’Alveare”; Savino Zingaro, “Caffè Normanno”; Luigi Mansi, “Bar Marinacci” e Giuseppe Lastella “Caffè Sospeso”. Alla video conferenza costitutiva hanno partecipato anche il direttore ed il vice presidente di Confcommercio Bari-Bat, Leo Carriera e Vito D’Ingeo che hanno espresso parole di apprezzamento del processo di crescita e sviluppo che la federazione sta avendo sul territorio.

“Abbiamo voluto fortemente la nascita di questa associazione perché viviamo molte difficoltà a cui serve dar voce e tante sono le scelte che la categoria deve compiere in questo momento per traghettare tutti i bar e le pasticcerie oltre la crisi, sperando di lasciarci presto questo periodo difficile alle spalle. Abbiamo bisogno di sederci ai tavoli decisionali e portare all’attenzione delle istituzioni il nostro vissuto e la nostra esperienza. Abbiamo bisogno di rappresentanza e da questo punto di vista garantiamo il massimo impegno a tutti i colleghi che hanno deciso di credere in noi”, dichiarano Liso e Paparusso.

“Ci attendono decisioni importanti e abbiamo bisogno di condividere le strategie innanzitutto tra di noi, per questo siamo nati e per tale ragione invitiamo anche i titolari di altri bar e pasticcere di Andria ad aderire all’associazione perché da soli, forse, si va più veloce ma insieme certamente si arriva più lontano. Inoltre, vogliamo che i consumatori sappiamo che noi tutti baristi e pasticceri siamo sempre stati molto attenti all’igiene e alla salubrità delle nostre attività, sono le regole alla base del nostro lavoro e lo continuano ad essere in particolare in questa fase. Stiamo già effettuando il nostro processo produttivo ai massimi livelli di sicurezza e formando nuovamente in nostri operai ai nuovi standard igienico-sanitari. Dunque, nelle maniere che si sono consentite dalla legge, cioè l’asporto e le consegne a domicilio, i nostri clienti possono stare tranquilli rispetto alla qualità delle nostre produzioni e prodotti”, aggiungono dalla Fipe Confcommercio di Andria.

“Diamo il benvenuto alla Fipe per la rappresentanza di bar e pasticcerie nella grande famiglia di Confcommercio di Andria e auguriamo alla presidenza e all’intero direttivo un buon lavoro nella consapevolezza che noi saremo sempre al loro fianco, come stiamo facendo con tutte le altre categorie, per affrontare insieme questa complicata fase 2 e uscirne, sempre insieme, in maniera più rafforzata. Siamo certi che ce la faremo”, conclude Claudio Sinisi, presidente della Confcommercio di Andria

*/ endif; // end ! comments_open() ?>