Bancarotta, in carcere ex patron Bari Calcio Giancaspro. Indagato il sindaco di Trani

Cosmo Giancaspro.

TRANI, 17 maggio – La Guardia di Finanza di Bari ha arrestato l’imprenditore ed ex patron del Bari Calcio Cosmo Damiano Giancaspro e altre quattro persone, ritenute suoi prestanome, per i reati, a vario titolo contestati, di bancarotta, riciclaggio, auto-riciclaggio, peculato e abuso d’ufficio in concorso con pubblici ufficiali. Giancaspro è in carcere, gli altri sono ai domiciliari. Nella stessa inchiesta, coordinata dalla Procura di Trani è indagato anche il sindaco di Trani, Amedeo Bottaro (Pd), che ha subito un sequestro di beni per circa 46mila euro.
Stando alle prime indiscrezioni, le fiamme gialle avrebbero accertato un tentativo da parte di Giancaspro di entrare in affari proprio con il Comune di Trani. L’indagine costituisce uno stralcio dell’inchiesta sul crac dell’azienda Ciccolella di Molfetta. Sequestrati beni per 300mila euro a Giancaspro. Il Bari Calcio non sarebbe coinvolto nella vicenda.
Oltre ai cinque destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare, ci sarebbero altri soggetti indagati in stato di libertà, tra i quali pubblici ufficiali che, in concorso con l’ex presidente del Bari, avrebbero compiuto abusi d’ufficio e altri reati contro la pubblica amministrazione.

*/ endif; // end ! comments_open() ?>